fauna, flora e tradizione

Con 11 Comuni, quasi 20.000 ettari di territorio, vette che superano i 1500 metri e circa 2.000 specie floristiche, il Parco Naturale dei Monti Aurunci è ufficialmente riconosciuto come l’area più interessante della Regione Lazio.Esso offre, infatti, un’invidiabile varietà di scenari e paesaggi: faggete, leccete, sugherete, praterie ed altopiani nascondono gelosamente – sul fronte opposto – alcune tra le più affascinanti baie marittime che si possano ammirare. Fondamentale è l’artigianato locale: un aspetto caratteristico della vita dei borghi, con figure caratteristiche tra cui il ciabattino, le ricamatrici e soprattutto “gli strammari”, mestiere recuperato e valorizzato dal Parco dei Monti Aurunci che, ad esso, dedica un suo specifico laboratorio. Sulle stesse intenzioni si basa la Falegnameria del Parco, in cui le masse di legno ottenute dalla gestione naturalistica dei boschi vengono sapientemente trasformate in originali fioriere, panchine e tavoli per spazi verdi ed aree pic-nic, ma anche segnaletiche, tabelloni ed elementi di arredo per eventi e manifestazioni.

una selezione dei prodotti

Enogastronomia

MARZOLINO ITRANO